Deutsch | Italiano | English
  Amici del Kunsthistorisches Institut in Florenz
  Verein zur Förderung des Kunsthistorischen Instituts in Florenz (Max-Planck-Institut) e.V.
  Home
  Informazioni
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  L’Istituto di Storia dell’Arte di Firenze (KHI)
 
 
 
  Servizi
 
 
 
Chi siamo
Tra le istituzioni che si occupano di ricerca sull’arte italiana il Kunsthistorisches Institut in Florenz – Max-Planck-Institut [Istituto di Storia dell’Arte di Firenze – Istituto Max Planck] gode a livello mondiale di particolare rinomanza. Lo spettro delle sue ricerche, così come la sua collezione di libri e fotografie, abbracciano ampiamente la Toscana e comprendono anche il nord Italia.
Fra i punti forti e maggiormente incentivati della collezione della biblioteca e fototeca sono da annoverare l’arte del Rinascimento, l’arte della città di Siena, così come l’arte del XIX e XX secolo.

Situato nel centro storico di Firenze e luogo di lavoro e di incontro a livello internazionale, l’Istituto è frequentato ogni giorno da un gran numero di studiosi di tutte le nazionalità.

Sino al 1970 gli “Amici del Kunsthistorisches Institut in Florenz” erano l’unico soggetto di diritto, tenuto al sostentamento dell’Istituto. L’associazione era stata fondata nel 1898 e nel 1903 inserita a Berlino nel registro delle associazioni come “Associazione per il mantenimento del Kunsthistorisches Institut in Florenz”. A partire dal 1970 l’Istituto venne assegnato al Ministero Federale per la ricerca e lo sviluppo, e dal gennaio 2002 la Società Max Planck [Max-Planck-Gesellschaft] ha assunto la gestione dell’Istituto fiorentino.

Sin dall’inizio gli Amici si sono sobbarcati il compito di sostenere e finanziare a Firenze, in quanto centro fra i più importanti in Europa per le arti e le scienze nel primo Rinascimento, un istituto che mettesse a disposizione i fondamentali strumenti di lavoro per la ricerca sull’arte e la cultura della città e che si rivolgesse al pubblico attraverso proprie pubblicazioni e iniziative scientifiche. Da un secolo a questa parte numerosi donatori privati hanno contribuito alla crescita dell’Istituto e ne hanno reso possibili ristrutturazioni e ampliamenti, sia al suo interno che all’esterno. Ancora oggi una delle principali preoccupazioni degli Amici è di far conoscere a un pubblico sempre più vasto il lavoro dell’Istituto e con ciò suscitare interesse per l’arte italiana. Inoltre, gli amici sostengono anche studentesse e studenti, nonché giovani ricercatrici e ricercatori con borse di studio, per consentire un rapido avanzamento delle loro ricerche presso l’Istituto, con l’aiuto di un imponente materiale di fotografie e di innumerevoli libri.
Qualora foste interessati a diventare soci, qui troverete il modulo di iscrizione. Saremmo lieti di potervi accogliere come soci.
La quota associativa annuale ammonta a
€ 15.00 per studenti
€ 50.00 per i singoli
€ 65.00 per le coppie

Inoltre c’è la possibilità di diventare soci sostenitori dell’associazione e, attraverso questa formula associativa, offrire un contributo particolarmente significativo.

Il contributo associativo annuale ammonta a € 500.00

I membri dell'Associazione beneficiano dell'invito esclusivo a numerose manifestazioni: il conferimento del 'premio Jakob Burckhardt' a Firenze, caratterizzato da una conferenza del vincitore e ad altri eventi. Nella sede di Monaco vengono organizzate regolarmente conferenze sulla storia dell'arte italiana, tenute da illustri relatori, e periodiche riunioni di soci. Inoltre è possibile assistere alle regolari presentazioni delle ricerche dei borsisti fiorentini. Ogni due anni gli Amici ed il KHI organizzano una gita per i membri dell’Associazione con visite guidate.

Tutti i soci riceveranno come dono annuale le “Mitteilungen des Kunsthistorischen Institutes in Florenz”, che escono in diversi fascicoli, e gli “Forschungsberichte”.

 
Statuto

Qui trovate lo statuto degli Amici del Kunsthistorisches Institut in Florenz [Verein zur Förderung des Kunsthistorischen Instituts in Florenz (Max-Planck-Institut) e.V.

 
Copyright (c) 2005 Verein zur Förderung des Kunsthistorischen Institutes Florenz e.V.